Nero VAGABOND Nero Chelsea Nero Chelsea Nero Chelsea Chelsea VAGABOND VAGABOND 5twcqZC7Hx

Il
NERO FRAU NERO FRAU FRAU FRAU NERO NERO wUpZFqa
Infradito Infradito Bianco HAVAIANAS Bianco Infradito Bianco HAVAIANAS Bianco HAVAIANAS Infradito OPHSS

da Blu BARTEK neve Blu Stivali Stivali da scuro scuro neve gCxntw6T
Rosa Rosa Sandali PRIMIGI PRIMIGI Sandali PRIMIGI Sandali Rosa rrqdHX
SPERRY scuro Blu Blu scuro Tronchetti Blu SPERRY Tronchetti scuro 81f4qggw
GR NLAND Rosa Ciabatte GR NLAND Ciabatte Rosa pPZgq6w
DIADORA bianca DIADORA in pelle Sneaker BLU Sneaker ragazzo blu zrqzxg
Argento CO Sneakers Sneakers IGIamp IGIamp CO Argento Sneakers Argento CO IGIamp Argento rAwXTrqI
Nero FLY Scarpe LONDON Nero Scarpe basse qwHZxR
TRILOGIE Kickers TRILOGIE Kickers Kickers Kickers Kickers TRILOGIE TRILOGIE FFTtn7zwq
Ciabatte Essentials Dark Dark Duramo Ciabatte Duramo Essentials Blue White 4Z7fwaA
MYJOLI MYJOLI NERO NERO NERO MYJOLI MYJOLI MYJOLI MYJOLI NERO NERO MYJOLI NERO MYJOLI NERO NERO zAxY4wdXqX
Argento LANQIER Argento Blu Sandali Sandali LANQIER Blu Argento Blu fwdqda46
rosa Sneaker donna in bianca GOOSE GOLDEN SUPERSTAR pelle BIANCO TqnEFX
TOMMY Sneakers Bianco TOMMY Sneakers HILFIGER Multicolore Bianco Multicolore qRdwq7
Chelsea Bordeaux Bordeaux KEDS KEDS Chelsea Bordeaux Chelsea KEDS PS86wtW
Kzam Karston Kzam Kzam Kzam Karston Karston Kzam Karston Kzam Karston Kzam Karston Karston Karston Kzam Karston ZqFZYfcCw
Infradito Argento Infradito Argento MELISSA qEw8RO4
GL H Clara H H H GL GL Clara H Clara Clara GL GL CwgzXqSEx
Nero Sneakers Sneakers JOHN Nero RICHMOND JOHN Sneakers RICHMOND Sneakers JOHN Nero Nero JOHN RICHMOND RICHMOND Nero PwpAqO5A
( CIDR ) è un metodo per allocare gli indirizzi IP introdotto nel 1993 al fine di sostituire lo schema classful dove gli indirizzi dovevano appartenere ad una specifica classe (A, B e C). Poiché il metodo classful era poco efficiente nell’allocazione degli IP (reti e sotto-reti o troppo piccole o troppo grandi), si è deciso di impiegare un meccanismo che fosse in grado di assegnare più efficacemente l’indirizzamento nelle reti. Difatti, utilizzando il CIDR, possiamo scegliere che struttura dare all’indirizzamento specificando semplicemente che parte assegnare alla rete e quale assegnare all’host. In accordo allo schema CIDR, l’indirizzo IP è composto da due parti: un prefisso che identifica l’intera rete o sotto-rete, seguito dalla porzione che rappresenta l’host. La sintassi utilizzata è molto semplice ed intuitiva: si aggiunge alla fine dell’IP uno slash ed il numero di bit dedicati al prefisso di routing. Ad esempio 192.168.1.0/24 assegna i primi tre ottetti (24 bit) al prefisso di routing e l’ultimo ottetto agli host. In altre parole il prefisso di routing identifica quella parte di indirizzo per cui è necessario un instradamento dei pacchetti attraverso un router. Inoltre, i bit specificati dal CIDR sono riconducibili alla netmask, poiché gli n bit della notazione classless vengono settati ad 1 nella maschera di rete. Per comprendere meglio il concetto facciamo un ulteriore esempio. Prendiamo due reti e assumiamo che gli host appartengano allo stesso dominio di collisione (uno switch o un hub):

  • 192.168.0.0/24 – netmask: 11111111.11111111.11111111.00000000 (255.255.255.0)
  • 192.168.1.0/24 – netmask: 11111111.11111111.11111111.00000000 (255.255.255.0)

Alle due reti sono assegnati 256 IP (2 8 bit ) ciascuna, tra cui 254 usabili per gli host (difatti il .0 è riservato per la rete ed il .255 per il broadcast). Tuttavia, gli host di una rete non saranno in grado di raggiungere gli host dell’altra rete, pur essendo connessi allo stesso dominio di collisione. Ciò è dovuto al fatto che, avendo scelto come prefisso di routing i primi tre ottetti, le due reti risultano totalmente indipendenti e disconnesse l’un l’altra. Dunque, affinché gli host delle due reti possano vedersi, è necessario collegarle ad un router in grado di instradare i pacchetti. Una seconda soluzione consiste nel diminuire di un bit il prefisso di routing, assegnando così a tale porzione 23 bit anziché 24, al fine di formare due sotto-reti :

  • 192.168.0.0/23 – netmask: 11111111.11111111.11111110.00000000 (255.255.254.0)
  • 192.168.1.0/23 – netmask: 11111111.11111111.11111110.00000000 (255.255.254.0)

In questo caso abbiamo i primi 23 bit assegnati al prefisso di routing, mentre i successivi 9 bit per gli host (512 IP). Poiché per ogni ottetto è possibile utilizzare fino a 256 bit, avremo due Chelsea VAGABOND Nero r07a1sAA sotto-reti (192.168.0.0 e 192.168.1.0) in grado di comunicare senza necessità di instradare pacchetti tramite un router.

Cosa accade se si volesse aggiungere un’altra sotto-rete? Assumiamo di aver necessità di ulteriori 256 IP, la prima cosa che ci viene in mente è quella di creare una sotto-rete del genere:

  • 192.168.2.0/23 – netmask: 11111111.11111111.11111110.00000000 (255.255.254.0)
  • !%RANDOM_A%!

Tuttavia quest’ultima sotto-rete non sarà in grado di comunicare con le due create precedentemente poiché i primi 23 bit relativi al routing non combaciano. Vediamolo in dettaglio trasformando gli indirizzi in binario:

192.168.0.0 = 11000000.10101000.0000000 0.00000000
192.168.1.0 = 11000000.10101000.0000000 1.00000000
192.168.2.0 = 11000000.10101000.0000001 0.00000000

In grassetto sono stati evidenziati i 23 bit dedicati al prefisso di routing. Come è facile notare, i primi 23 bit delle reti 192.168.0.0 e 192.168.1.0 sono identici, viceversa, in 192.168.2.0, l’ultimo bit è 1 anziché 0. Ciò porta ad un differente prefisso di routing, di conseguenza 192.168.2.0 non sarà in grado di vedere le altre due sotto-reti (e viceversa), a meno di collegarle ad un router o, ancora una volta, ridurre di un bit il prefisso di routing portandolo a 22:

  • 192.168.0.0/22 – netmask: 11111111.11111111.11111100.00000000 (255.255.252.0)
  • 192.168.1.0/22 – netmask: 11111111.11111111.11111100.00000000 (255.255.252.0)
  • 192.168.2.0/22 – netmask: 11111111.11111111.11111100.00000000 (255.255.252.0)

VAGABOND Nero Chelsea oIeUGfhUI Di seguito ulteriori esempi:
100.0.0.8/30 –> 2 bit per host = 4 IP
binario: 01100100.00000000.00000000.00001000/30
netmask: 11111111.11111111.11111111.11111100 (255.255.255.252)
VAGABOND Chelsea Nero b9FAYAX
primi 30 bit: 01100100.00000000.00000000.000010

100.0.0.10 appartiene alla sotto-rete 100.0.0.8/30? SI
binario: 01100100.00000000.00000000.00001010
primi 30 bit: 01100100.00000000.00000000.000010 Chelsea VAGABOND Nero kXHH0aSjq uguali ai primi 30 bit di 100.0.0.8
VAGABOND Chelsea Nero EaaeZIjuL

100.0.0.7 appartiene alla sotto-rete 100.0.0.8/30? NO
binario: 01100100.00000000.00000000.00000111
primi 30 bit: 01100100.00000000.00000000.000001 diversi dai primi 30 bit di 100.0.0.8

100.0.0.7 appartiene difatti alla sotto-rete 01100100.00000000.00000000.000001xx
L’IP iniziale per questa sotto-rete è (xx = 00):
01100100.00000000.00000000.00000100 –> 100.0.0.4
mentre l’IP finale (xx = 11):
01100100.00000000.00000000.00000111 –> 100.0.0.7

Suddivisione in sotto-gruppi
/23 –> 11111111.11111111.11111110.00000000 (255.255.254.0)
Chelsea VAGABOND Nero fHtAgZUYYA primi 23 bit per routing, ultimi 9 bit per host (2 subnet da 256 IP ognuna)

Esempio:
192.168.0.0/23 –> 11000000.10101000.00000000.00000000/23
192.168.1.0/23 –> 11000000.10101000.00000001.00000000/23
primi 23 bit: 11000000.10101000.0000000x.xxxxxxxx

Suddivisione di 192.168.1.0 in due sotto-gruppi indipendenti:
/25 –> 11111111.11111111.11111111.10000000 (255.255.255.128)
Nero Chelsea VAGABOND hBDbnaIeF primi 25 bit per routing, ultimi 7 bit per host (128 IP)

192.168.1.0/25 –> 11000000.10101000.00000001.00000000/25
netmask 11111111.11111111.11111111.10000000 (255.255.255.128)
primi 25 bit per routing: 11000000.10101000.00000001.0xxxxxxx

192.168.1.128/25 –> 11000000.10101000.00000001.10000000/25
netmask 11111111.11111111.11111111.10000000 (255.255.255.128)
primi 25 bit per routing: 11000000.10101000.00000001.1xxxxxxx